2251932767 Storia Pontedera, foto storiche di Pontedera
Storia di Pontedera
Sito non ufficiale

Home Storia FotoFilmatiMonumenti Itinerari Rassegna stampa Ringraziamenti Aneddoti
Blog

Cerca tra le foto

Benvenuti su Storiapontedera.it il sito di cultura e informazione

Ultimi aggiornamenti

INSERIMENTO PECCIOLI 21-6-17

25-6-17 Inserimento foto strada ferrata Lucca Pontedera 1926

13 foto molto particolari sulla costruzione del ponte in calcinaia

HOMEFOTO INFO

sport
Incontro con Cesare Del Cancia Recentemente ho fatto visita a Cesare Del Cancia, classe 1915, il piu' vecchio vincitore della Milano-Sanremo ancora in vita. Cesare vive da solo nella sua casa di Pontedera con il cane (un magnifico setter irlandese) e, nonostante i vari acciacchi, e' ancora una persona viva e piena di memorie. Sono passati quasi 72 anni dal suo trionfo alla Milano-Sanremo del 1937 (19 marzo) e ancora in lui sono vivi molti ricordi di quel giorno fantastico. Gli tornano alla mente vari aneddoti, ma quello che colpisce sono soprattutto alcuni dettagli, che rimandano a una realta' ormai scomparsa, della quale ci giungono solo poche residue memorie. Cesare attribuisce il merito della vittoria a sua madre e, muovendosi a commozione, riferisce che ella preparo' uno zabaglione con 8/10 tuorli d’uovo e glielo spedi' al ristoro per il tramite di Francesco, il maggiore dei suoi fratelli, con l’intesa che lo bevesse un po’ per volta. Egli inoltre afferma con sicurezza che la sua fuga duro' 150 km e non 70, come scritto dai giornali dell’epoca. Cesare continua nei suoi ricordi e un altro aneddoto, riguardante la preparazione alla Milano-San Remo, impreziosisce il racconto. Il suo allenamento consisteva in buona parte nel compiere piu' volte il percorso Buti (suo paese di residenza)-San Remo e viceversa (abbondantemente sopra i 300 km). Egli partiva da Buti e, quando arrivava a San Remo, si concedeva una giornata di recupero, alloggiando presso una pensione economica, per ripartire il mattino successivo per il suo paese. In occasione del suo ultimo tragitto alla volta di San Remo, quando il percorso affrontava “lo monte perche' i Pisani veder Lucca non ponno”, un quindicenne si mise alla sua ruota, fiero e felice di pedalare assieme a quel campione gia' assai noto. I due percorsero insieme tratti in pendio e pianeggianti, spingendo sui pedali. A un certo punto Del Cancia, vista la giovane età del ragazzo, gli chiese chi fosse e da dove venisse: era Galfe Ghelardoni, un suo ammiratore di Pisa. A quel punto Del Cancia si senti' un po’ responsabile per quel giovane ciclista: “Guarda che io sto andando a San Remo, tu torna a casa, altrimenti domenica non finisci neanche la corsa!”. Intanto l’occhio cade su una foto del 1931, che ritrae la sua squadra dell'epoca, e questo suscita in Cesare un altro commosso ricordo. Uno dei ciclisti ritratti e' Corsi Nello, di Cascine di Buti. Questi era suo compagno di allenamento e Cesare ricorda la durezza degli allenamenti, quando facevano scatti e allunghi ripetuti, specie in salita. Un giorno, provato dalla fatica, Corsi si rivolse a Del Cancia (che sicuramente doveva essere piu' forte) con la seguente espressione toscaneggiante: "O Cesare, portami a casa... non vedo piu' neanche la minestra!". Salutiamo Cesare con la consapevolezza di aver incontrato un campione vero, un “vecchietto” ancora lucido che non vive solo di ricordi e che porta sempre dentro di se' la passione per questo sport meraviglioso.
Pubblicato il 2009-02-08

*/